Dialogo di coppia, estratto dalla Cistifellea di Callimaco

Ella: – Eh eh eh. Potremmo altresì enunciare…
Egli: – Postuliamo, cara, postuliamo!
Ella: – Quanto ardimento nella vostra parenza di paranza asfittica, mio godereccio lamierino ondulato.
Egli: – Meteorismo è il mio secondo nome, il mio cognome è Sovente.
Ella:- Bramo suggere i tuoi punti neri al chiaror della luna riflessa su unte padelle inox individuandoli con la punta della mia rasposa lingua.
Egli: – Non riesco mai a scrostare del tutto le tracce di escrementi dal fondo del wc senza l’ausilio di strumenti vietati dal regolamento di gara. Ciò mi farà impazzire.
Ella: – Marrano, tu non presti udienza alle mie soavi parole! Io soffriggo per te e tu mi lasci abbrustolire.
Egli: – Perdona la mia mente offuscata, ma sono ancora sconvolto, aver visto la fine del rotolone Regina ha annullato tutte le mie certezze. Vidi il vuoto della mia sottile esistenza.
Ella: – Ho un certo languorino…
Egli: – Prima di cena dovrò farti una rettoscopia, questi sintomi non vanno sottovalutati. Ho perso un pesce rosso alla tenera età di anni undici, non posso perdere anche te.
Ella: – Ihihih stiamo tubando come due piccioni dell’alta sassonia in Piazza della Sorca a Lecco.
Egli: – You tube?
Ella: – Tu mi turbi come un esausto ferroviere arso dal sole d’agosto riverso sulla massicciata cosparsa dell’evacuazione di un passeggero obeso in ritorno da un pranzo di nozze calabrese.
Egli: – Appropinquati e porgimi le pere.
Ella: – E tu dammi la banana.
Egli: – Poni sulle mie frementi mani le lisce e tonde mele.
Ella: – Affidami i due preziosi kiwi.
Egli: – …perdinci! Manca lo zucchero in questa macedonia. Possa l’Artusi aver pietà di noi!
Ella: – Moriremo tutti! Prendi il ferro da stiro e scappa, salvatevi almeno voi due!
Egli: – No, è inutile. Non vi è speranza, la nostra condanna è incisa come il Testo sullo Sterone.
Ella: – Eureka! Forse possiamo ancora sottrarci dall’ira funesta del celebre Pellegrino!
Egli: – Istruiscimi sul da farsi! Son tutt’orecchi e cerume!
Ella: – Sovvienimi un ottimo surrogato zuccherino! Orsù, prestami tosto la tua tosta banana di riserva!

…e vissero felici di stenti, a denti stretti come lontani parenti, destini uniti seppur distanti.

Annunci

2 pensieri su “Dialogo di coppia, estratto dalla Cistifellea di Callimaco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...