Nonna, una lieta novella t’annunzio

[Nota: questo post dovevo pubblicarlo due giorni fa ma non ho potuto e dunque beccatevelo ora facendo finta che la Santa Pasqua debba ancora giungere nelle nostre umili et cristiane dimore]

Anche a ‘sto giro di visita pasquale ai parenti la mi’ nonna mi chiederà «C’hai la fidanzatina? Daaai, dillo a nonna! Lo so che ce l’hai, quando me la fai conoscere?». Stanco di rispondere timidamente e sommessamente «No ora un ce l’ho», dato che la nonna unn’intende che qui non si batte chiodo, le risponderò spavaldo:
«Sì nonna, finalmente ce l’ho! L’ho conosciuta facendo volontariato sulle ambulanze»
«O che bravo, fai anche volontariato ora? Che bello, anche lei era sull’ambulanza?»
«Sì, esserci c’era, ma era in overdose e rantolava schiumando dalla bocca»
Lei sverrà, allora il mi’ nonno chioserà:
«Ovvia, allora tutto bene, bravo» – porello, ormai l’è rincoglionito del tutto.

Sarà una giornataccia questo 23 marzo pasquale, data storicamente nefasta fra l’altro, dato che in questo giorno:
1919 – Benito Mussolini fonda a Milano il Movimento politico fascista
1933 – Il Reichstag conferisce ad Adolf Hitler poteri dittatoriali sulla legislazione tedesca

L’unica nota lieta è che il 23 marzo del 1915 nacque il mitico Vasily Grigorievič Zaitsev, eroe della Patria.
Come egli coraggiosamente affrontò l’invasore nazista, io son pronto a affrontare i parenti. Non un passo indietro, non un passo indietro!

Annunci

Signora mia, è tutta colpa dell’euro!

La mamma di una mia amica risparmia i centesimi sul cibo: si fa il pane da sola (spendendo magari il doppio di elettricità, sigh), condisce la pasta col burro (a cucchiaiate, argh!) invece dell’olio d’oliva eccetera. Poi si compra il cellulare in "offerta" a 130 EUR e un PC portatile (un cessone della marca più inaffidabile in circolazione) sempre "in offerta" a 600 Eur per usarlo solo in casa.
Dopo una settimana una sua amica, anche lei con stipendio medio-basso, la copia prendendo il suo stesso portatile anche lei per usarlo unicamente in casa (per fare chiamate video con la figlia).

Portatili che, scaduta la garanzia, se un singolo componente si guasta puoi anche buttarli nel cassonetto. Portatili che con la stessa cifra ci fai un pc desktop più performante e longevo, e soprattutto ergonomico; vabbé, a certa gente il concetto dell’ergonomia non entra proprio in testa, e magari son sempre a lamentarsi del mal di schiena o al collo.

Boh, chi ci capisce qualcosa è bravo.

Perplessità nerdiche

Perché di un PC posso scegliermi i singoli componenti hardware secondo le mie esigenze e di una ragazza no? Perché sono tutte preassemblate? Perché devo acquistare scegliendole per il case senza sapere cosa c’è dentro? E se c’ha i polmoni messi male o l’udito malfunzionante posso sostituirli?
Inoltre mettiamo – come accade spesso – che mi piaccia l’hardware ma non il sistema operativo, mi tocca tenerla così. E se quella ha funzioni non documentate, backdoors?
In alcune occasioni sarebbe utile avere una ragazza dual boot ad esempio. Mi sono informato, non si può fare. Bisogna accontentarsi di una dual boops.

P.S.: sarà difficile partorire un post più scemo di questo, ma se c’è una cosa che mi ha sempre stupito è la mia demenza, che ogni volta raggiunge nuovi limiti. Sono fiducioso.

Fia col vento

In due giorni mi hanno sorriso per strada più faighe (very faighe!) che negli scorsi quattro anni. Nel senso che non era quasi mai successo, e il "quasi" ce l’ho infilato in una crisi di ottimismo. Di solito incrociandomi mi ignorano anche se fingo un malore accasciandomi (in tal caso mi passano sopra calpestandomi) oppure pur di evitarmi saltano giù dal marciapiede e si buttano sotto a un Suv.

Invece ieri e oggi… boh miracolo. Ho ipotizzato fosse il fascino dello pseudo-hippie per via dei capelli incolti ormai alla deriva che con il vento degli ultimi giorni raggiungono il massimo della trasandatezza, ma no, dopo tutto i capelli non mi coprono del tutto la faccia, e quella è sempre la solita (da culo n.d.r.).
Temevo di aver avuto le visioni, quando ho trovato la spiegazione logica e razionale a tutto ciò. Dopo l’ultimo Giuventus-Fiorentina – con la viola che vince in casa dei gobbi dopo 20 anni – il mondo si è capovolto, nulla è più come prima, e dunque  le faighe non sorridono più ai fighi ma solo a noi cessi! E’ così per forza! Olè!